Chiesa di San Nicolò e San Domenico

Chiesa di San Nicolò e San Domenico

Via S. Antonio e Via Garibaldi
47011 Castrocaro terme (FC)

Sto caricando la mappa ....

La chiesa dei Santi Nicolò e Francesco si trova in via Garibaldi. Anticamente fu la chiesa del Convento Francescano e divenne Parrocchia nel 1783 in seguito alla soppressione del Convento dei Frati Minori.

Visita il tema ‘Marco Palmezzano: il Rinascimento nelle Romagne’.

Anticamente fu la chiesa del Convento Francescano, menzionato il 23 aprile 1280 nel testamento di Raniero da Calboli.
Il tempio attuale risale però al 1398, essendo il precedente andato distrutto per eventi bellici. Subì ristrutturazioni radicali nel 1520, nel corso del secolo XVII e nel 1932. Soppresso il Convento dei Frati Minori nel novembre 1783, questa Chiesa divenne Parrocchiale di Castrocaro. L’interno è articolato a tre navate e conserva un’opera insigne del pittore forlivese Marco Palmezzano (1500), che rappresenta la Beata Vergine coi Santi Agostino e Antonio, e un pulpito in pietra arenaria datato 1533.

Nella navata di sinistra si trovano: due affreschi raffiguranti l’uno la Beata Vergine coi Santi Sebastiano e Rocco e l’altro, San Sebastiano, entrambi di scuola romagnola fine secolo XV, nella prima cappella; una pala d’altare con Madonna del Carmine, opera del bolognese Carlo Cignani (1628-1719), nella seconda cappella; una tela raffigurante Sant’Antonio, opera del pittore forlivese Giuseppe M. Galleppini (1625-1650), nella terza cappella.

Nella navata di destra sono visibili un’ancòna della Crocefissione, attribuita alla scuola del Modigliani (1592), nella prima cappella; una pala d’altare che mostra la Visitazione di Maria Vergine a Santa Elisabetta, opera del pittore ravennate Francesco Longhi (1611), nella seconda cappella; uno stucco a bassorilievo della Beata Vergine col Bambino (secolo XV) detta Madonna dei Fiori, venerata come protettrice del paese, nella terza cappella.

Nella canonica è conservata una croce processionale in argento del XV secolo, finemente cesellata e opera di un valente orafo toscano. Di recente costruzione (a. 1981) l’organo meccanico a canne della ditta Tamburini di Crema, a due tastiere e 19 registri.

INFORMAZIONI UTILI

Ufficio IAT +39 0543-769631

Cosa visitare

Dove mangiare

Dove dormire

I concerti di Entroterre

Non ci sono eventi organizzati in questo luogo