L’attività concertistica del Quartetto Foné, esordisce nel 1985 con le affermazioni in vari concorsi nazionali (Stresa, Palmi, Trapani) e internazionali (“G.B. Viotti” di Vercelli, “D. Shostakovich” a San Pietroburgo).

Il quartetto d’archi tiene i suoi concerti di musica da camera in Italia per le maggiori istituzioni concertistiche (fra le altre Milano La Scala, Torino Unione Musicale, Roma S. Cecilia, Venezia La Fenice, Firenze Amici della Musica, Napoli “A. Scarlatti”, Palermo Amici della Musica, Ravenna Festival) e all’estero in Svizzera, Austria, Germania, Israele, Francia, Spagna, Grecia, Stati Uniti, Canada e Giappone.

Nell’ambito dell’attività discografica è da ricordarsi il Quintetto di Schubert eseguito in collaborazione con Franco Rossi e il sestetto “Souvenir de Florence” di Tschaikovskij con Sadao Harada, violoncellista del Quartetto di Tokyo e Harald Schoneweg, membro del Quartetto Cherubini.

Fra gli artisti con i quali il Quartetto Foné ha collaborato figurano inoltre i pianisti Carlo Bruno, Pietro De Maria, Alexander Lonquich, Benedetto Lupo, Piernarciso Masi, Hans-Jorg Schellenberger; i flautisti Giorgio Zagnoni e Peter Lukas Graf; i clarinettisti Anthony Pay e Karl
Leister; il violista Danilo Rossi; il violoncellista Miclos Perenyi.